Senza categoria

-Reading Habits Tag-

Buongiorno a tutti Lettori.

Sono tornata di nuovo con un book tag! Come avete letto dal titolo oggi farò il Reading Habits Tag dove, in 10 domande, vi renderò partecipe delle mie abitudine letterie ;)! L’ho visto sul canale della carinissima Anna, vi consiglio di andare a farvi un giro perchè è simpaticissima –> Anneinthebed.

Ma iniziamo il tag prima di farlo chilometrico!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

1. Hai un posto prediletto per leggere a casa?

Solitamente io leggo la sera a letto, mi capita anche di leggere sul divano (soprattutto d’inverno quando c’è acceso il camino) o sulla panchina in balcone quando il tempo lo permette, quindi prettamente in estate.

2. Usi segnalibri o pezzi di carta a caso?

Ho un segnalibro cheho fatto io di quelli di metallo.

3. Quando leggi, ti fermi a un punti imprecisato, devi finire il capitolo, o ti dai un numero di pagine da raggiungere giornalmente?

Assolutamente no, non mi fermo in un punto a caso ma arrivo a fine capitolo, semplicemente perchè poi mi perdo e non ricordo più dov’ero arrivata. Decisamente non mi do un numero di pagine giornliere da raggiungere perchè so già che, come le challenge, non riuscirò a rispettarle :D!

4. Mangi o bevi mentre leggi?

Evito di fare entrambi, se lo faccio è perchè sto leggendo sul tablet quindi non c’è il ricschio di rovinare il libro cartaceo e bevo rigorosamente il té

5. Usi un sottofondo musicale o accendi la tv mentre leggi?

No, ecco perchè leggo di notte. Ho bisogno di calma, pace, devo essere zen quando leggo se non mi impappino su e non ci capisco più un tubaccio.

6. Un libro alla volta o più libri insieme?

Uno alla volta, ma ho un sacco di libri iniziati e mai finiti perchè arrivano volumi molto più interessanti o che devo recensire o che sono seguiti di altri già letti :D!

7. Leggi solo in casa o dappertutto?

Leggo prettamente in casa, ma se riesco anche quando sono in giro. Non semre però.

8. Leggi ad alta voce o no?

No, non riesco a leggere ad alta voce.

9. Vai a leggere più avanti o salti addirittura le pagine?

Ogni tanto foglio il libro mentre leggo pervedere quanto mi manca alla fine del capitolo o del libro, non credo di aver mai saltato pagina durante la lettura.

10. Rompi la costa o tirnmi i tuoi libri come nuovi?

ASSOLUTAMENTE NO. Sono come appena usciti dalla libreria i miei libri e se qualcuno li rovina mi arrabbio parecchio. Si sono abbastanza fissata ;)!

11. Scrivi sui tuoi libri?

Come sopra, ASSOLUTAMENTE NO :D!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ecco qua le mie abitudini da lettrice! E voi cosa fate quando leggete? Rispondetemi qua sotto e vediamo se siamo molto diversi o simili tra di noi ;)!

Alla prossima cari

Besos :*

Lexie

Annunci
Senza categoria

[**Segnalazioni** Novità Intrecci Edizioni**]

Buon Pomeriggio cari Lettori,

oggi vi segnalo le novità dell casa editrice Intrecci Edizioni.

 

*****************************************

TITOLO:189b49ce-77a9-461d-a3d3-c7b7a74ab111 Mamma, Papà…Oggi vi racconto una storia
AUTORE: Manuela Monti
PUBBLICAZIONE: 10 Ottobre 2016
PAGINE: 65
PREZZO: 8.00€

TRAMA: Il libro raccoglie tre racconti ambientati nel mondo animale. Leggendo le storie sarà impossibile non farsi coinvolgere dalle avventure dei personaggi e condividere con loro emozioni, desideri, paure… scoprendo che ogni problema offre una soluzione. I racconti, rivolti ai bambini, soono molto indicati anche per gli audlti che, talvolta, si portano ditro problematiche antiche da risolvere. Osservare le situazioni descritte con gli occhi e gli strumenti che oggi l’adulto ha ma che da piccolo non possedeva, consente al lettore di rivisitare antiche sofferenze, immedesimandosi nei personaggi, ed elaborare ciò che non ha potuto risolvere un tempo. Ogni racconto si conclude con una guida alla riflessione attraverso la quale sarà facile comprendere il mesaggio che il testo vuole trasmettere. I pensieri e le azioni dei personaggi indicheranno la strada. Sarà poi possibile, per il lettore, avvicinarsi alle vicende dei protagonisti aggiungendo i propri punti di vista, le proprie emozioni, esperienze e i modi di vedere le situazioni, all’interno dello “spazio per te”.

AUTRICE:
Psicologa/psicoterapeuta, ha conseguito una prima specialzzaione a orientamento sistemico-relazionale con particolare applicazione alla cosulenza familiare e una seconda ad indirizzo cognitivo-comportamentale. Esercita come libero professionista e spesso è impegnata in corsi di formazione per docenti e genitori. Dal 1983 è docente nella scuola primaria. Ha pubblicato Piccole storie (Albatros, 2013), L’orso Bu e altri racconti (Armando, 2014).

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

TITOLO: La speranza dei vinti469f0c9f-ee54-4842-8182-30dfae654fed
AUTORE: Michele Rampazzo
PUBBLICAZIONE: 4 Novembre 2016
PAGINE: 274
PREZZO: 15.00€

TRAMA: Cosa fareste se l’apocalisse vi sorprenderbbe in terra straniera, lontano da tutti e da tuttociò che conoscete? Giorgio, giovan scritore a Londra per lavoro, si risveglierà in un incubo. Il suo agente gli ha lasciato un biglietto, è corso in aeroporto, chiamerà appena troverà un volo; ma intanti le reti telefoniche sono mute, i trasporti bloccati, le sirene suonano impazzite e strani individui si aggirano per le strade. Fiure non proprio vive, sinistre, claudicanti. Zombie. Un’epidemia tanto violenta che girare senza mascherina significa contagio assicurato. E mentre i pochissimi sopravvissuti si accalcano in cerca di spiegazioni e imperversa la legge marziale, Giorgio fugg ai controlli del’esercito e decide d’intraprendere la sua personale odissea attraverso l’Europa per tornare da Alessia, rimasta a casa, in Italia. Lungo il tragitto, sarà testimon degli orrori causati dall’epidemia, lotterà per la propria vita e per le persone che incontrerà, con cui legherà a doppio filo le sue aspettativ e le sue paure. Soprattutto, non perderà mai di vista il duo proposito: tornare a casa, dove risiedono le sue speranze più grandi.

AUTORE:

Classe ’92, laureando in Strategie di Comunicazione all’Università di Padova. Ingordo di storie e grande appassionato di letteratura e cinema, a 24 anni ho già scritto 8 romanzi, di cui La speranza dei vinti sarà il primo pubblicato.

*****************************************

Ecco le novità per Intrecci Edizioni.

C’è qualcosa che vi ispira?? Se si, quale dei due libri?? Io leggerò “La speranza dei vinti” di Michele Rampzzo, poi vi farò sapere com’è ;).

Alla prossima!

Besos :*

Lexie

Senza categoria

°° Recensione°° Harry Potter e la maledizione dell’erede

Ciao a tutti Lettori!
Altro giro, altra corsa, altra recensione ;)! Potevo non cadere nel “tranello” della cara, buona e dolce di Zia Row??? Ma certo che no ;)! Oggi, come avete potuto capire dal titolo del post, vi parlo di Harry Potter e la maledizione dell’erede.Non potevo lasciarlo in libreria, no no! Ma ciando alle bande, andiamo a vedere le informazioni del libro.


*************************************

TITOLO: Harry Potter e la maledizione dell’erede

AUTORE: J. K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne

CASA EDITRICE: Salani Editore

PUBBLICAZIONE: 24 Settembre 2016

PAGINE: 368

PREZZO: Rigida 19.80€

TRAMA:

E’ sempre più difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è impiegato del Ministero dell Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un pasato che si rifiuta di rimanere tale,  il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell’eredità di famigliare che non ha mai voluto. Il passato ed il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l’oscrità proviene da luoghi inaspettati.


*************************************

Premettiamo un paio di cosine :)! Io ho amato tutta la saga di Harry Potter, tutto ciò che è stato descritto, ogni luogo; voglio andare ad Hogwarts a frequentare le lezioni, voglio andare ad Hogmade nel periodo di Natale; a Diagon Alley, voglio bere la BurroBirra, gli scherzi dei fratelli Weasley, voglio una civetta. Adoro questo mondo. Quando ho saputo che avrebbero fatto un’opera teatrale ero già pronta con le valige per partire per Londra diretta al Palace Theatre, cosa che non è ancora sparita dalla mia testa ;), per poterlo vedere nonostante io non capisca un accidente di inglese.


Il 23 Settembre sono andata ad un evento Feltrinelli, nel quale mi hanno smistata in Grifondoro dove ho comprato la mia copia del libro. Appena tornata a casa ho iniziato subito la lettura, all’una di notte, e vi confesso che tornare nei luoghi che tanto hai amato fa sempre un certo effetto. E’ stato come ritrovare dei vecchi amici :)!
La storia parte esattamente da dove l’avevamo lasciata alla fine del settimo libro, con Albus ed Harry che discutono davanti al binaro 9 3/4 sulla possibilità del ragazzo di venire smistato in Serpeverde. Cosi accade, infatti il Cappello Parlante lo assegna alla casata color smeraldo in cui consolida l’amicizia iniziata sul treno con Scorpius, il figlio di Draco Malfoy. Soprattutto per Albus essere il figlio di Harry Potter ha un peso e non vede di buon occhio il padre che cerca in tutti i modi di instaurare un rapporto col figlio.

Gli anni passano ma i problemi restano. All’inizio del quarto anno, il giovane Potter dopo aver assistito ad una discussione tra suo padre ed Amos Diggory, il padre di Cedric, decide di movimentare la sua vita e quella di Scorpius.


Questo libro mi è piaciuto per vari motivi.

Primo, è Harry Potter! Scusatemi, come ho detto all’inizio, potrei amara anche la lista della spesa di casa Weasley :D!

Secondo, è una sceneggiatura. Per quanto io ami i romanzi e ne abbia nella libreria parecchi da leggere, se è troppo descrittivo faccio fatica a continuare la lettura. Questo, invece, sia per il motivo sopracitato sia per il fatto che è veloce da leggere è stato forse quello che ho preferito di più durante tutto l’anno.


Ci sono, anche secondo me, dei fatti all’interno della narrazione che ehmmm….anche no :D.

Mi è piaciuto un sacco il personaggio di Scorpius, è un’amore, patatoso. Se non ti vuole Rose, la figlia di Hermione e Ron, ti prendo io :).

Draco, invece, si è fatto vedere per quello che veramente è: una persona che ha un animo decisamente una carattere molto migliore di quello che dava a vedere nei passati libri. Albus…Albus! Secondo me è il degno figlio di Harry. Non nel senso brutto eh, ma proprio perchè fa un casino dietro l’altro, a partire dal fatto che salta giù dall’Espresso per Hogwarts per cambiare tutto.

Va beh, io non so se con questa recensione sono riuscita a convincervi del fatto che questo libro merita almeno una volta di essere letto, ma spero di aver fatto capire che l’ho amato….l’ho già detto??? ;)!


Alla prossima carissimi!

Besos :*


Lexie